Istruzioni per cucinare con la pentola a pressione

Cucinare con la pentola a pressione consente di diminuire i tempi di cottura , la temperatura di ebollizione dell’acqua avviene grazie alla pressione del vapore che è trattenuto nella pentola,  e che sale a 120°C a differenza dei 100°C della cottura classica.

Per tale motivo sarebbe ideale poter cucinare piatti che hanno in previsione una permanenza lunga sul fuoco quali lessi, brodi, brasati, ma pure prelibati risotti in un terzo del tempo. Mediante la scarsa evaporazione e grazie alla cottura nel loro liquido, i cibi riescono a mantenere meglio il sapore originario ed i principi nutritivi. Sul sito www.pentola-pressione.it tutte le informazioni a riguardo.

Caratteristiche della pentola a pressione

E’ possibile cucinare piatti saporiti e sani utilizzando meno sale ed anche meno grassi. La cottura a una temperatura tanto elevata va a modificare determinate sostanze che sono presenti nei legumi, andando a renderli più digeribili e, mediante i tempi di cottura tanto ridotti, le vitamine deteriorabili con il calore tendono a conservarsi intatte. Ciò consente un gran risparmio di tempo e gas e tanti importanti benefici per la salute.

 

A distinguere la pentola a pressione da quella classica è lo speciale coperchio a chiusura ermetica che va ad impedire la fuoriuscita del vapore che deriva dall’ebollizione dei liquidi versati nel recipiente. Il vapore che va ad accumularsi fa incrementare la temperatura di cottura fino a 120°C , consentendo di diminuire a 2/3 i tempi di cottura dei cibi e in taluni casi, pure della metà.

Sul coperchio ci sono ben due valvole: la valvola di esercizio che si riconosce per il colore rosso, detta valvola di sfogo, che lascia fuoruscire il vapore facendo ridurre la pressione eccessiva. La seconda valvola di sicurezza, invece, entra in funzione nell’eventualità che la valvola di esercizio si sia inceppata oppure ostruita. Nel particolare caso di pressione in eccesso, la valvola di servizio si alza e consente al vapore acqueo di  poter fuoriuscire in modo graduale con l’emissione del fischio classico.

Prima di introdurre qualunque alimento nella pentola si dovrà versare la giusta quantità di liquidi che cambia in base all’alimento da cuocere.E’ rilevante non superare mai il massimo livello indicato dalla tacca nel recipiente. E’ bene evitare pure di riempire in modo eccessivo la pentola perchè il cibo non vada ad ostruire la valvola di sicurezza.

Occorrerà chiudere con il coperchio a chiusura ermetica, appoggiando il coperchio sulla pentola seguendo le relative guide di aggancio, poi si abbassa la maniglia assicurandosi così che sia bloccato. Per l’apertura basterà eseguire l’operazione inversa.

bisognerà poi mettere la pentola sul fuoco a fiamma alta, in seguito ad alcuni minuti la valvola di esercizio comincerà ad emettere il classico fischio e il vapore fuoruscirà, in questo momento si abbasserà la fiamma e si calcola il tempo di cottura.

Concluso il tempo di cottura si spegnerà il fuoco e occorrerà far scendere scendere la pressione andando ad aprire la valvola di sfogo. Soltanto quando tutto il vapore esce si aprirà il coperchio.